,

Mare Global Forum, appuntamento a Genova il 25 e il 26 maggio

Genova Porto Antico

Genova – Più di 400 fra associazioni, istituzioni, organizzazioni e fondazioni che hanno un fattore in comune: il mare. Questa, in sintesi, la sfida che il Centro Giuseppe Bono, di consulenza e analisi strategica sulle tematiche marine, insieme con il Comune di Genova, lanciano oggi, cercando, per la prima volta nella storia del Paese di porre a fattore comune imprese e professionisti, che insieme rappresentano quasi un quarto del Pil nazionale. E’ quanto si legge in una nota.

“Il Mare Global Forum che si svolgerà a Genova si pone tre obiettivi prioritari: il primo, abbattere le barriere che hanno impedito sino a oggi ai vari protagonisti dell’economia del mare di dialogare, collaborare, e creare valore aggiunto comune; il secondo, fare comprendere ai decision e agli opinion makers del Paese, che l’unica autentica risorsa che può rappresentare un asset esclusivo dell’Italia, anche nello scenario europeo, è il mare; il terzo, porre le fondamenta di una piattaforma comune di dialogo di confronto che accenda i riflettori, come è logico che accada, sul Mediterraneo”.

Il Centro intitolato a Giuseppe Bono, l’uomo che seppe trasformare in una eccellenza mondiale, l’industria cantieristica italiana, “si propone di portare alla luce le molteplici eccellenze economiche, turistiche, ambientali nonché il valore geopolitico del Paese, proponendosi anche nel campo dell’analisi e della ricerca come soggetto aggregatore di competenze”.

“È proprio su questa missione comune che si è generata una sintonia naturale fra la città di Genova, attraverso il Sindaco Marco Bucci, e il Centro Giuseppe Bono, presieduto dal Cavaliere del lavoro Massimo Ponzellini. Nei prossimi giorni sarà presentato il programma dettagliato della manifestazione che si articolerà nella serata del 25 maggio presso il Palazzo Interiano Pallavicino di Genova e nella mattinata del 26 maggio presso il Salone di rappresentanza del Comune di Genova a Palazzo Tursi”.

Fonte https://www.themeditelegraph.com/it/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *